Luigi Di Maio si prende pure la cassa. Al M5S porta by way of circa 4 milioni – Il Tempo

Date:



Ogni divorzio ha un costo. Ma, in questo caso, il conto lo paga tutto il Movimento 5 stelle. La scissione promossa da Luigi Di Maio, infatti, ferisce l’ex premier Giuseppe Conte anche nel portafoglio. I calcoli sono presto fatti. Ogni anno la Digital camera e il Senato versano ai gruppi parlamentari un sostanzioso contributo per sostenere la loro attività politica e di comunicazione.

 

Una voce divenuta di fatto determinante da quando l’abolizione del finanziamento pubblico ha azzerato o diminuito le altre entrate economiche. Il «gettone» concesso dal Parlamento, invece, vale circa 49.200 euro a deputato e 60.000 euro a senatore l’anno. Elenchi alla mano, nelle casse del Movimento 5 stelle, se la legislatura dovesse terminare tra un anno, entreranno circa 2,5 milioni di euro in meno alla Digital camera e circa 600mila euro in meno al Senato. A questi, peraltro, vanno aggiunti i versamenti che i parlamentari sono tenuti a effettuare nei confronti del Movimento in base ai regolamenti interni. Si tratta di mille euro al mese, il ché moltiplicato per dodici mesi e per 61 parlamentari fa altri 732 mila euro.

 

Il totale dell’ammanco, insomma, si attesta poco sotto i 4 milioni di euro. Un «deficit» piuttosto grave considerando che la campagna elettorale si avvicina e ha un costo importante. Tanto più che l’adesione al sistema del 2×1.000, decisa dopo un voto della base che ha ribaltato uno dei totem sacri del Movimento, non darà i suoi effetti prima dell’anno fiscale 2023. Insomma, se tutto va bene i primi incassi arriveranno a inizio 2024.

 

Crisi M5S, Paragone: “Conte e Di Maio parte della stessa tragi-commedia”

Video su questo argomento

Dal Movimento obiettano che, in realtà, tanti dei dimaiani già da tempo non versavano più la quota di mille euro pattuita. Ma questo, in realtà, apre un altro fronte. Perché la schiera dei mancati «restituitori» period molto più ampia rispetto a coloro che se ne sono andati. Difficile tracciare l’identikit dei ritardatari: il sito web tirendiconto.it non esiste più da agosto 2021, se si digita quell’url si finisce su una pagina in lingua francese. Ciò che conta è che, secondo quanto attestato a inizio giugno dal tesoriere Claudio Cominardi, nelle casse mancherebbero circa due milioni, comprensivi pure dell’altra quota da versare, i 1.500 euro da destinare al «fondo restituzioni» che poi vengono devoluti advert associazioni o imprese. Dopo la scissione, con il rischio di perdere per strada altri eletti, sarà molto più difficile per i vertici grillini pretendere gli arretrati dai morosi. «Sicuramente -, cube la tesoriera del gruppo alla Digital camera Francesca Galizia all’Adnkronos – faremo delle valutazioni sui contratti in scadenza, principalmente le consulenze esterne, dobbiamo rivederle e rivalutarle anche nell’ottica di un efficientamento degli uffici».

Chiaramente i 4 milioni rappresentano un calcolo a spanne che non tiene conto di quanto accade fuori dal Parlamento. A livello locale, advert esempio, non è ancora ben chiaro chi seguirà Di Maio e chi resterà nel Movimento (in Campania ha già fatto il salto la capogruppo in Consiglio regionale Valeria Ciarambino). Senza contare l’eventuale sostegno dei militanti di fede dimaiana, che presumibilmente non verseranno più nulla al Movimento di Conte. Il buco, insomma, c’è. E sembra destinato advert allargarsi.
 



Share post:

Popular

More like this
Related

Augusta Review: Unveiling the Hidden Treasures of This Charming Southern City

Nestled along the banks of the Savannah River, Augusta,...

Why did the Palestinian group Hamas launch an attack on Israel? All to know | Israel-Palestine conflict News

EXPLAINERDozens killed, tons of injured after Hamas sends...

Air India’s First Look Of Planes After Major Logo, Design Change. See Pics

<!-- -->Our A350s begin coming house this winter,...

Pakistan beat Netherlands by 81 runs in ICC Cricket World Cup 2023 | ICC Cricket World Cup News

Haris Rauf took three wickets Pakistan’s bowlers dismissed...