Leggendo la stampa estera fatico ad intravedere la luce in fondo al tunnel. L'analisi di Andrea Pasini

Date:



La stampa internazionale sta seguendo con interesse la crisi di governo in atto in Italia. Celebri testate come l’Economist, La Vanguardia, Bloomberg e l’Europeiska Pravda stanno raccontando la tremendous dell’esecutivo guidato da Mario Draghi. Il giornale inglese fa ironia sul nome del nostro premier e si chiede se è tempo di «sport over» per il nostro tremendous Mario.
Secondo le ricostruzioni dell’Economist, dopo il rifiuto dei senatori del M5S di sostenere una mozione di fiducia al suo governo, Draghi avrebbe provato a dimettersi senza riuscirci, in quanto un governo nuovo o un rimpasto non sono various promettenti per l’Italia o per l’Europa, specialmente con oltre 200 milioni di euro in gioco con il Pnrr. 
Bloomberg parla di un’Italia sull’orlo del caos, mentre Le Monde spiega come i mercati stiano già reagendo all’incertezza sul futuro del governo Draghi con la borsa di Milano a meno 3% e il costo del debito dell’Italia ripartito alla grande. 
L’austriaca Die Press teme un possibile contagio dell’instabilità italiana, sottolineando come Draghi abbia garantito una relativa stabilità ed efficienza in Italia e rassicurato i suoi companion. Una sicurezza che ora sta venendo a mancare. 
La Vanguardia spagnola non usa mezzi termini e cube che questa crisi è l’ultima cosa  che dovrebbe succedere in un paese del G7, nel mezzo di una guerra in Ucraina, con un’inflazione document, i prezzi della benzina alle stelle, il rischio che Mosca tagli il fuel e una siccità storica. Il Paìs punta invece il dito contro il Movimento Cinque Stelle, primo colpevole della crisi, e parla di una decisione politica e forse anche personale. 
La stampa di Kiev risulta molto preoccupata in quanto Draghi è da sempre stato uno dei principali sostenitori dell’Ucraina, che ha continuato a sostenere il paese nonostante la foyer russa e gli attacchi informatici. 
La Russia coglie invece l’occasione per puntare il dito ancora una volta contro l’Ucraina, incolpandola della crisi di governo. Sia il britannico Boris Johnson sia la estone Kaja Kallas sia Draghi hanno visitato l’Ucraina e hanno promesso al regime di Kiev sostegno a tutto tondo, si legge sui giornali russi quasi ci fosse un rapporto di causa effetto tra i viaggi nel paese invaso dalla Russia e le rispettive crisi.
 

Share post:

Popular

More like this
Related

World Cup 2022 group stage tiebreakers: What happens when teams are level on points?

As the ultimate spherical of World Cup 2022...

Morrison’s reported hatred of Matt Kean killed $600m skills plan

Scott Morrison reportedly hated NSW Treasurer Matt Kean...

FEMAIL reveals controversial history behind Balenciaga

Balenciaga could also be going through backlash after sharing...